hehaeadad spsapcaece
Wallace Berman, Untitled, 1968
 

thefrithurik:

Cecilia Mangini - Stendalì (Suonano Ancora) • 1960

Piangete, madri che avete figli,
piangete con tutto il vostro dolore,
che vi venga dalle foglie dell’anima
che vi abbandonano prima del tempo.
Viene la morte che non ci rispetta,
che ci ha tutti quanti segnati.

Piangete a lutto, tutti voi piccini,
piangete grandi, piangete ragazzi,
questo fiore ha perduto ogni forza
e aveva appena sedici anni.

Io ti aspetterò, io, o mio figliolo,
io ti aspetterò fino alle tre,
quando io vedrò che tu non vieni,
correrò a cercarti nell’orto e nel cortile.
Io ti aspetterò, io, o mio figliolo,
io ti aspetterò fino alle cinque,
quando io vedrò che tu non vieni
correrò a cercarti da tutti i parenti.
Io ti aspetterò, io, o mio figliolo,
io ti aspetterò fino alle nove,
quando vedrò che tu non vieni
io perderò ogni speranza,
e se vedrò che tu non vieni
e alle dieci non ti fai vedere,
alle dieci sarò divenuta terra,
terra, terra da seminarvi.
Io ti aspetterò, io, o mio figliolo,
io ti aspetterò fino all’anno,
e quando vedrò che tu non vieni
annerirò come fuliggine.

E tu, cuore arso, piangi, piangi,
urla sempre come un bue selvaggio
che al mondo hai perduto ogni luce.

Me l’avessi detto tu, figlio mio,
che tu stavi per partire,
ti avrei preparato un canestro
con tutta la tua roba.
Chi ti preparerà il vestito
quando verrà la domenica?
Nessuno di tutti che qui stanno.
Tu resterai solo.
Chi ti laverà la camicia, figlio mio?
Te la laverà la lapide e la terra.
E chi te la potrà stirare?
Te la stirerà la lapide e la terra.
Chi ti sveglierà, figlio mio,
quando il giorno sarà alto?
Là sotto è sempre un sonno,
sempre notte buia.

Resistenza italiana
oliverhibert:

"The Hierophant" now with melting face! 16 more major arcana cards to go! Next up, The Lovers!! #pamelacolemansmith #tarot
THEME